Nicole Gasparini gareggerà in due tappe di Coppa Europa a Krispl (Austria), previste per il 3 e il 4 marzo, con lo scopo di prepararsi al meglio per la competizione di Coppa del Mondo in casa, ad Airolo-Pesciüm, che si svolgerà sabato 10 marzo.

La 20enne di Cadro, atleta dei quadri A di Swiss-Ski e già vincitrice della Coppa Europa nel 2016, è di ritorno alle gare dopo qualche mese di stop, causa una contusione ossea al ginocchio patita nel mese di dicembre, durante la trasferta di Coppa del Mondo in Cina.

Nicole, tornata a saltare e a sciare tra le gobbe, sembra essersi messa il recente infortunio alle spalle e non vede l’ora di ritornare a sentire l’adrenalina pre e post gara. La scelta di tornare alle competizioni nel circuito europeo e non direttamente nella tappa di Coppa del Mondo in Ticino, quindi senza alcuna pressione e senza pretese di risultato, è una strategia azzeccata.

Noi siamo sicuri che alla Coppa del Mondo di Airolo-Pesciüm Nicole sarà pronta a dare battaglia alle altre concorrenti per un posto in finale!

Deborah Scanzio ha terminato al 21esimo posto alle Olimpiadi di Pyeongchang, non riuscendo così ad accedere alle finali per una sola posizione.
Il programma della gara ha previsto due qualifiche, dove la seconda conta solo se migliore, il cosiddetto formato “best run wins”. Quindi, nella prima qualifica, che si è svolta venerdì 9 e che ha regalato l’accesso immediato alle fasi finali alle prime dieci sciatrici, Debby ha concluso alla 21esima piazza; mentre nella seconda, che si è tenuta oggi (domenica 11) e che offriva altri dieci posti validi per gli atti conclusivi, è arrivata sfortunatamente 11esima.
Sulla difficile pista di gobbe del Phoenix Snow Park, Debby non è riuscita a esprimersi al meglio: alla prima opportunità, un errore sotto al primo salto ha inciso pesantemente nelle note relative alla sciata, mentre alla seconda chance, la discesa è stata molto più pulita e solida (sono 3.5 i punti in tecnica ottenuti in più), ma un po’ più lenta (quasi mezzo secondo, questa volta circa 0.5 punti in meno) e lievemente meno performante nella parte acrobatica (circa 0.3 punti in meno). Alla fine, anche se la seconda run gli è valsa 69.02 punti complessivi, rispetto ai precedenti 66.38 punti, Debby è restata fuori dalla finale per soli 0.34 punti.

Le fasi finali sono state invece tre: la prima finale a venti atlete, la seconda a dodici e la terza, la “super final”, con le migliori sei freestyler a darsi battaglia per realizzare il sogno di una medaglia olimpica. A fregiarsi del titolo di campionessa olimpica è stata la diciannovenne francese Perrine Laffont, mentre ha conquistato l’argento la canadese Justin Dufour-Lapointe, già campionessa a Sochi 2014, e la medaglia di bronzo è andata alla kazaka Yulia Galysheva.

Archiviata la gara delle donne, domani (lunedì 12 febbraio), andranno in scena gli uomini, con la qualifica 2 e le finali. Purtroppo, con il brutto infortunio di Marco Tadè, avvenuto nell’ultimo giorno di allenamento a Tignes (Francia), a soli due giorni dalla partenza per i Pyeongchang, la Svizzera (e il Ticino) questa volta non sarà presente…

Per i risultati completi clicca qui.

È appena trascorso un fine settimana piuttosto intenso per il freestyle ticinese. Sabato 27 e domenica 28 gennaio si sono svolte infatti tre gare valide per i Campionati regionali FSSI. I tre appuntamenti, nelle discipline di moguls, dual moguls ed aerials, hanno visto infatti la partecipazione di un folto gruppo di giovani: oltre ai rappresentanti ticinesi e d’oltralpe, hanno dato spettacolo anche freestyler provenienti dalla Germania e dall’Austria, per un totale di circa quaranta atleti. La pista di gobbe “Ducia du Berto” e sulle piattaforme di salti di Airolo-Pesciüm, stazione sciistica ormai solita a ospitare eventi di freestyle, i concorrenti hanno cercato di impressionare i giudici e divertire gli spettatori presenti.
Nella giornata di sabato sono andate in scena le competizioni di aerials, la mattina, e di moguls, il pomeriggio. Nella prima gara, categoria ragazzi, a vincere è stato lo svizzero Fabian Bader, seguito dal connazionale ticinese Enea Buzzi e dal tedesco Luis Thiel. Nelle ragazze invece ha trionfato la svizzera Ursina Platz, seguita dall’austriaca Lea Rettenbacher e dall’altra elvetica Sara Kümin. Enea Buzzi, classe 2004, si è laureato quindi campione regionale di aerials, precedendo il coetaneo Oliver Crameri e Giosuè Martinoli, classe 2001. Emilie Foresti, classe 2004, invece si è presa invece il titolo di campionessa regionale di aerials, precedendo Marla Coch, classe 2002. Nell’evento di moguls, categoria ragazzi, ha prevalso Enea Buzzi, conquistando quindi anche la nomea di campione regionale in questa disciplina, con Giosuè Martinoli al 2° posto e Riccardo Pascarella, classe 2002 al 3° rango. Nelle sciatrici invece ha vinto l’austriaca Julia Schwendiger, seguita dalle germaniche Annika Merz alla 2° piazza e Elisa Stoiber alla 3°. Ad aggiudicarsi il premio come campionessa regionale di moguls è questa volta Marla Coch, che ha battuto Emilie Foresti.
Nella soleggiata giornata di domenica si è svolta invece la competizione di dual moguls (gobbe in parallelo): tra i giovani freestyler, ad ottenere la vittoria è stato Riccardo Pascarella, autore di discese impeccabili in parallelo, seguito dai compagni di squadra Giosuè Martinoli e Oliver Crameri, classe 2004. Tra le giovani sciatrici, è stata Annika Merz ha occupare il gradino più alto del podio, tallonata dalle austriache Julia Schwendiger e Lea Rettenbacher. A fregiarsi del titolo di campione e campionessa regionale nella disciplina dual moguls sono stati quindi Riccardo Pascarella e Emilie Foresti, quest’ultima precedendo la compagna di squadra Marla Coch.

Le classifiche complete:

Questo pomeriggio, alle ore 14:00, Swiss-Ski ha ufficializzato la presenza di Marco Tadè e Deborah Scanzio nella lista degli atleti convocati per gli imminenti Giochi olimpici di Pyeongchang.

I due freestyler ticinesi saranno a Tignes (Francia) per un campo di allenamento preolimpico, dal 27 al 30 gennaio, con lo scopo di prepararsi al meglio e scaldare i motori in vista dell’appuntamento olimpico. Poi, il 1 febbraio, partiranno finalmente per la Corea del Sud. Dal 5 all’8 febbraio ci saranno gli allenamenti ufficiali, mentre il 9 febbraio le qualifiche 1 sia uomini sia donne, oltre la consueta cerimonia di apertura in serata (all’orario di pranzo in Svizzera). L’11 febbraio ci sarà poi la qualifica 2 e le finali delle donne, mentre il 12 febbraio la qualifica 2 e le finali degli uomini.

Per vedere il programma dello sci freestyle (Moguls) nel dettaglio clicca qui.

Ticino Freestyle è entusiasta di vedere due suoi atleti vestire i colori rossocrociati alla manifestazione sportiva per antonomasia. Tutto il movimento freestyle del nostro Cantone è orgoglioso di Marco Tadè e Deborah Scanzio, inoltre spera, alle prossime Olimpiadi, di poter ammirare ancora atleti ticinesi del loro calibro.

In bocca al lupo!

Dal Canada arrivano ottime notizie: Deborah Scanzio ha ottenuto infatti la qualifica agli imminenti Giochi Olimpici di Pyeongchang, in virtù del 12esimo posto conquistato nella prova di Coppa del Mondo a Tremblant. L’esperta freestyler leventinese è riuscita a dare una netta svolta alla sua stagione, fino ad ora sottotono, non essendo riuscita sei gare precedenti ad ottenere un risultato nelle prime sedici della classifica. Un cambio di passo che arriva nel momento più delicato e che fa tirare un sospiro di sollievo a Scanzio e a tutta la squadra svizzera di moguls, che perciò porterà ben due rappresentanti ticinesi alla trasferta sudcoreana. Nell’ultima prova di CdM prima delle Olimpiadi, Scanzio ottiene accesso alla finale grazie ad un convincente 10° piazzamento. Termina poi la sua gara nella prima finale, dove conclude alla 12esima piazza. A trionfare è la canadese Justine Dufour-Lapointe, seguita dalla connazionale Andi Naude, con la kazaka Yulia Galysheva a chiudere il podio.

A Tremblant si rivede anche Marco Tadè, che dopo il 16esimo posto nella sua ultima gara di CdM in Cina, datata 21 dicembre 2017, si è preso una pausa di circa un mese per recuperare un ginocchio malandato e dolorante. Il giovane sciatore di Tenero termina al 31esimo posto, nella gara vinta sorprendentemente dal giapponese Ikuma Horishima, seguito dal canadese Mikael Kingsbury (che vede interrompersi una striscia di tredici vittorie consecutive nel circuito maggiore) e dal kazako Dmitriy Reikherd.

Un fine settimana assolutamente positivo quindi per il team svizzero, che da una parte rivede finalmente Scanzio nella parte alta della classifica, mentre dall’altra recupera Tadè giusto in tempo per i Giochi. Adesso qualche giorno di meritato riposo per i nostri freestyler, in attesa del volo direzione Pyeongchang per una gara che vale un’intera stagione.

Per i risultati della CdM di Tremblant nelle donne clicca qui, per gli uomini clicca qui.

Il 17 gennaio parte finalmente la Coppa Europa di freestyle. Le prime tre tappe si svolgeranno a Megève, in Francia. La stazione sciistica dell’Alta Savoia prevede tre giorni di gare sia di Moguls, i 17 e il 19 gennaio, sia di Dual Moguls, il 20 gennaio. A rappresentare i colori rossocrociati, ci sono tre giovani freestyler ticinesi, tutti in formazione presso la Scuola professionale per sportivi d’élite a Tenero (SPSE) e atleti della Federazione Sci Svizzera italiana (FSSI): Giosuè Martinoli, Martino Conedera e Riccardo Pascarella. Alla squadra svizzera manca solo Giacomo Papa, atleta dei quadri C di Swiss-Ski e già sciatore tra i primi dieci in Coppa Europa, ancora lontano dalle competizioni a causa di un infortunio. Il suo rientro è previsto per le seguenti gare del circuito continentale.

Dopo le prime settimane di allenamento del 2018 sulla neve di casa, ad Airolo e a Prato Leventina, e dopo la prima gara FIS della scorsa settimana in Germania, i nostri freestyler son pronti a scendere tra le gobbe per stupire i giudici europei.

I tre atleti della FSSI, che a differenza dell’assente Papa devono ancora trovare una propria dimensione nel circuito continentale, hanno l’obiettivo di avvicinarsi il più possibile ai primi sedici posti della classifica, i quali danno accesso alla finale. Una missione non facile, ma sicuramente alla loro portata, confidando nei progressi fatti durante le molteplici ore di allenamento effettuate con il preparatore acrobatico Juan Domeniconi e l’allenatore tecnico Loris Battalora.

In bocca al lupo ragazzi!

Manca meno di un mese ai XXIII Giochi olimpici invernali di Pyeongchang, in Corea del Sud. La cerimonia di apertura, che avrà luogo venerdì 9 febbraio, darà finalmente il via a una quindicina di giorni densi di sport e emozioni, con la chiusura ufficiale il 25 febbraio che ci costringerà ad attendere altri quattro anni per rivivere le stesse.

In questo lasso di tempo la data che Ticinofreestyle aspetta con trepidazione è quella del 9 febbraio, ovvero il primo giorno di gara per lo sci freestyle, disciplina Moguls. Nel giorno della cerimonia d’apertura si terranno infatti la qualifica 1 sia degli uomini sia delle donne. Poi, l’11 febbraio, avranno luogo la qualifica 2 e le finali delle donne, mentre il giorno seguente, vale a dire il 12 febbraio, ci saranno la qualifica 2 e le finali per gli uomini.

All’appuntamento culmine della stagione 2017-2018 la Svizzera spera di portare due suoi rappresentanti, entrambi dal Ticino: Marco Tadè e Deborah Scanzio. Se da una parte per Marco le Olimpiadi saranno una speciale prima volta, dall’altra per Deborah sarà, verosimilmente, la quarta partecipazione ai Giochi. Marco, l’esordiente, e Deborah, la veterana.

Marco si avvicina all’evento sudcoreano non come avrebbe voluto. Dopo la splendida stagione dell’anno scorso, con un 2° posto nella prova di Coppa del Mondo a Thaiwoo (Cina) e una storica medaglia di bronzo ai Mondiali di Sierra Nevada (Spagna), ambedue in Dual moguls, Marco si rompe i legamenti crociati durante un campo di allenamento in Australia nel mese di agosto. Fortunatamente, Marco non è costretto a operare subito, ma anzi da fine novembre può proseguire l’attività con il sostegno di una speciale ginocchiera. Naturalmente la preparazione autunnale sulla neve è comunque compromessa e la programmazione del calendario agonistico esige ridimensionamenti a seconda della condizione traballante del suo ginocchio. Nonostante ciò, Marco riesce a raccogliere un ottimo sedicesimo posto nella gara di Coppa del Mondo di Thaiwoo (Cina) del 21 dicembre, dopo un DNF a Ruka (Finlandia) nella gara di apertura della stagione di Coppa del Mondo. Allo scopo di conservare il fisico e mantenere intatto il sogno olimpico, Marco decide, a malincuore, di non prendere parte alle prime tre tappe del tour nordamericano del circuito maggiore, ma di raggiungere la squadra solo per l’ultima competizione, che si terrà a Tremblant (Canada), il 20 gennaio 2018. Volerà in Canada per testare lo stato del ginocchio, per riprendere le giuste sensazioni e ricercare il ritmo tra le gobbe. Marco è ottimista, confida nel buon allenamento fatto in palestra e nelle continue sedute di fisioterapia svolte durante la pausa.

Anche per Deborah è un inizio di stagione decisamente travagliato. Per lei, però, non sono gli acciacchi ad ostacolarne le prestazioni. A questo punto della stagione, dopo sei tappe di Coppa del Mondo, Deborah non è ancora riuscita a conquistare una finale, ovvero a rientrare tra le prime sedici atlete. Deborah, che nella corrente stagione non è andata oltre al ventiquattresimo rango, è abituata a navigare in ben altre acque nella classifica di Coppa del Mondo, sicuramente tra le prime dieci donne al mondo. La speranza è quella che riesca ad aggiustare il tiro nell’ultima gara (a Tremblant) prima delle Olimpiadi, conquistando almeno un posto in finale che le assicurerebbe la partecipazione ai Giochi, e riacquisendo la fiducia e la motivazione per affrontare gli appuntamenti restanti di febbraio e marzo.

Cara lettrice, caro lettore,

Ticinofreestyle ti dà un caloroso benvenuto sul suo blog! Nella sezione Blog potrai leggere le notizie più importanti sullo sci freestyle in Ticino, goderti esclusive interviste ai suoi interpreti di maggior spicco e rimanere aggiornato sugli eventi organizzati alle nostre latitudini.

Qualora non conoscessi ancora Ticinofreestyle e i “suoi” sciatori, ti invitiamo a consultare la pagina Atleti, nella quale trovi una breve descrizione della nascita e la crescita negli anni della nostra organizzazione e i profili dei freestyler ticinesi.

Con un’occhiata veloce alla sezione Agenda, poi, non ti perderai più un nostro evento!

Infine, se vuoi sapere chi ci sostiene e con chi collaboriamo per rendere possibili le nostre manifestazioni, vai in Sponsor e clicca sul loro logo per accedere direttamente alla loro pagina web.

E non dimenticarti di cliccare “Mi piace” alla nostra pagina!

Sportivi saluti,

Ticinofreestyle

European Youth Freestyle Academy
Hai tra 8 e 14 anni? Sai sciare?…allora sei dei nostri!
Scopri di più

Ticino Freestyle
c/o TiSki-CST, Via Brere 10
CH-6598 Tenero

Ticino Freestyle
c/o FSSI-CST, Via Brere 10
CH-6598 Tenero

European Youth Freestyle Academy
Hai tra 8 e 14 anni? Sai sciare?
…allora sei dei nostri!
Scopri di più